Rossi: Contro l’Udinese sarà un test importante

Non penso che la partita contro l’Udinese sia priva di significati. Siamo a pochi giorni da un impegno importante e quindi la gara con i friulani servirà per testare la nostra condizione». Per il tecnico della Lazio, Delio Rossi, l’impegno di domani sera contro la squadra di Marino sarà una sorta di test-match in vista della finale di Coppa Italia che mercoledì prossimo si giocherà allo stadio Olimpico contro la Sampdoria.

Quanto alla formazione, Rossi ha spiegato che sceglierà la più logica possibile alla luce della partita di domani e non di quella di mercoledì. «Pandev? È reduce da un piccolo infortunio a Genova, quindi sta come un giocatore reduce da un problema. Ma sicuramente mercoledì sarà della partita». Domani, invece, il macedone non verrà rischiato. Stesso discorso sarà fatto per Pasquale Foggia, reduce da un problema alla caviglia. Sulle ultime quattro partite rimaste da giocare in campionato, poi, il tecnico laziale è stato chiaro: «Penso che negli occhi della gente non rimane quello che di buono è stato fatto nel corso della stagione, per esempio contro la Juventus, il Milan o nei primi 60 minuti di San Siro con l’Inter. Restano le ultime prestazioni. Secondo me dobbiamo lasciare negli occhi della gente un’immagine positiva. Inoltre sono partite che possono servire alla società ed al sottoscritto per valutare il futuro».

In merito all’avversario che si affronterà domani, Rossi ha ammesso che «Lazio e Udinese sono due squadre simili, anche se loro hanno cambiato meno di noi. Hanno avuto il problema di tutte le squadre che hanno giocatori giovani e devono disputare le competizioni europee. Non è un problema fisico, ma di poca abitudine mentale a giocare partite dopo partite con la stessa concentrazione».

E, a proposito di concentrazione, Rossi ha analizzato il delicato momento della Lazio, che tra pochi giorni si giocherà la partita più importante della stagione: «La pressione? Il gruppo si deve tenere su da solo, secondo me non ha bisogno di essere stimolato, ma sa benissimo che ci giochiamo qualcosa d’importante e già questo basta a tenere alta la tensione. A volte – ha aggiunto l’allenatore riminese – in questa stagione il problema della squadra è stato quello di pensare di raggiungere il massimo risultato con il minimo sforzo. Questa è una squadra che esprime tutto o niente. Non abbiamo vie di mezzo».

FOnte: corrieredellosport.it

Condividi

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Leggi anche

Ottobre 5, 2022
-
Gianluca La Penna
La 9ª giornata di Serie A TIM Fiorentina-Lazio, in programma lunedì 10...
Ottobre 4, 2022
-
Gianluca La Penna
Lazio al lavoro nella seconda seduta settimanale in vista del match con...

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sulle ultime news

Lazio Live
La storia siamo noi
L’Almanacco
Lazio Wiki
Richiedi la tua
tessera GRATUITA