Lotito: Prendo la coppa e Zarate

Il giorno dopo l’impresa di Torino, la qualificazione per la finale di Coppa Italia a spese della Juventus, Lotito scende in campo per Zarate con la grinta di chi vede delinearsi un futuro che un mese fa sembrava molto lontano. Nturalmente le prodezze dell’argentino non sono sfuggite ai grandi club e l’Al Saad, tira su il prezzo. E’ il gioco del calcio. Lotito, che lo ha portato in Italia tra lo scetticismo generale, non intende lasciarselo sfuggire: «Non mettiamo limiti alla provvidenza, se vado nel Qatar con lo scopo di portare a casa un risultato – ha detto prima di imbarcarsi – . Come ha fatto la squadra in Coppa Italia, così devo fare io per la società».
Il cartellino dell’attaccante vale 18 milioni di euro, ma gli arabi, che conoscono bene i meccanismi del calcio nostrano, ieri hanno diramato un comunicato molto chiaro: «Adesso ci sono molte offerte sul tavolo per Zarate dopo la brillante stagione dell’argentino in Italia che ha fatto crescere il suo valore nel mercato europeo. Dopo l’accordo stabilito quest’estate per il prestito del giocatore alla Lazio, l’Al Saad club darà la priorità al club biancoceleste. Per questo è atteso a Doha Claudio Lotito, per negoziare il trasferimento del giocatore. Le qualità di Zarate danno il diritto all’Al Saad di chiedere un alto prezzo per vendere l’attaccante argentino». Lotito, che auspica «la vittoria in Coppa Italia», è pronto a trattare, ma evita di parlare di cifre perché questo «potrebbe creare degli intralci».
Se aprile sarà il mese di Zarate, maggio potrebbe essere quello di Rossi. Lotito conferma che «Rossi fa parte del progetto. Quando qualcuno mi diceva che dovevo mandarlo via, io ero l’unico a sostenere il contrario. I problemi si affronteranno entro la fine di maggio, perché devo andare dal tecnico con un progetto chiaro e dirgli questi sono i giocatori. Sarebbe stato non corretto andare da un allenatore e fargli sottoscrivere un contratto per poi togliergli alcune pedine importanti». A Bergamo, però, sono quasi certi che da giugno sarà proprio Rossi a sedersi sulla panchina dell’Atalanta. Tra un mese sapremo chi ha detto la verità. Intanto Maor Buzaglio, giovane centrocampista offensivo israeliano classe’88, è un nuovo obiettivo della Lazio.

Fonte: Leggo

Condividi

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Leggi anche

Settembre 26, 2022
-
Valerio La Torre
Domenica 25 settembre 2022 Alla maratona di Berlino protagonista del fresco record...
Settembre 26, 2022
-
Gianluca La Penna
La Lazio tornerà ad allenarsi domani dopo i due giorni di riposo...

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sulle ultime news

Lazio Live
La storia siamo noi
L’Almanacco
Lazio Wiki
Richiedi la tua
tessera GRATUITA