Cristiano Sandri: Che bella la curva dell’Inter

Cristiano Sandri, intervenendo nella trasmissione Noi Biancocelesti, in onda
su Radio Erre 2, racconta le sue emozione per l’accoglienza riservata a
Gabriele dalla curva dell’Inter, che, per l’occasione si è addirittura tinta
di biancoceleste: “Vedere la partita per me è ancora difficile, ma la
coreografia dell’Inter è stata davvero bellissima. C’è stato un bagno
d’affetto clamoroso. Come hanno dimostrato anche i tifosi nerazzurri,
Gabriele è sempre ricordato. Mentre andavamo a Biella, sentivamo Radio Rai,
il cui cronista, in modo del tutto superficiale e con malafede, ha omesso di
raccontare la bellissima coreografia, limitandosi a dire che non ci
sarebbero stati incidenti, perché le due tifoserie sono gemellate. A parte
Sky, che ha mostrato le immagini ad inizio gara della coreografia, la cosa
non ha avuto per niente risalto. È imbarazzante! Ci sono troppi parolai,
benpensanti, che non conoscono il tifo organizzato, ma lo demonizzano a
priori. Questa gente non meriterebbe di parlare. C’è un appiattimento
mediatico, ma, guardando i tifosi, si dovrebbero ricredere tutti, perché ci
sono molte persone per bene, che sanno regalare emozioni. Molti comunicatori
non aspettano altro che succeda qualcosa di negativo per attaccare i tifosi,
ma poi quasi nessuno evidenzia le cose positive che fanno”.

Cristiano Sandri evidenzia come il giornalismo nazionale non abbia dato il
giusto risalto alla vicenda di Gabriele: “Alla presentazione del libro a
Biella, era presente il questore, che, per la prima volta, ha ammesso in
modo esplicito le responsabilità del suo collega di Arezzo. Ho notato quanta
attenzione sia data alla vicenda di Gabriele da quelle parti. Ci fa piacere
che c’è tutto un popolo che è rimasto colpito da quanto ci è accaduto e che
vuole giustizia. Ho rifiutato un invito a Ballarò, perché si voleva parlare
del G8 di Genova e si sarebbe creata una mescolanza di argomenti. Il
giornalismo italiano non ha evidenziato la portata sociale dell’omicidio di
mio fratello. A me comunque non interessa che Porta a Porta, Matrix o
Ballarò non ne parlano e non ho interesse a parteciparvi”.

Il processo per la morte di Gabriele ricomincia mercoledì e potrebbe essere
la giornata chiave: “Si ricomincia mercoledì. Oltre ad essere il giorno
della deposizione dell’omicida Spaccarotella, il quale non vedo cosa possa
ancora dire, verrà ascoltato anche il medico legale. Avremo la verità sulla
fantomatica deviazione, che comunque nulla toglie alla volontarietà del
gesto, attestato da ben cinque testimoni. Essendoci le elezioni di mezzo, le
udienze successive ci saranno a fine maggio, mentre attendiamo la sentenza
entro l’estate. Crediamo nella giustizia divina, a cui nessuno può sfuggire,
ma non avere quella terrena sarebbe una sconfitta per tutti”.

Fonte: Radio Erredue

Condividi

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Leggi anche

Settembre 26, 2022
-
Valerio La Torre
Domenica 25 settembre 2022 Alla maratona di Berlino protagonista del fresco record...
Settembre 26, 2022
-
Gianluca La Penna
La Lazio tornerà ad allenarsi domani dopo i due giorni di riposo...

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sulle ultime news

Lazio Live
La storia siamo noi
L’Almanacco
Lazio Wiki
Richiedi la tua
tessera GRATUITA