Angeleri, Lotito smentisce Tare

Nessun confronto. Ie­ri. Claudio Lotito ha rinviato l’appuntamento con la squa­dra: per la strigliata c’è sem­pre tempo, in attesa del rien­tro dei nazionali. Oggi dovreb­be essere il giorno giusto. An­che perché a Formello ci sarà pure Juan Pablo Carrizo, di ri­torno dall’incubo boliviano e da un mare di dichiarazioni po­lemiche per le quali pagherà una multa.

Degrè in preallarme Oggi, però, Carrizo farà in tempo a legge­re i quotidiani, o magari a farsi riferire quanto detto in questi giorni a Roma su di lui. Anche dal presidente Lotito, che ieri ha dichiarato a proposito della serataccia del portiere con l’Ar­gentina: «La partita l’avete vi­sta tutti… In Italia conta la tec­nica di un portiere, cosa che sta dimostrando Muslera. In Sudamerica invece in quel ruo­lo a volte non hanno neppure i preparatori. Rossi ha fatto la scelta giusta». Stamattina Car­rizo tornerà a Roma, nel pome­riggio sarà a Formello. Dal Su­damerica ha rassicurato tutti sulle sue condizioni fisiche (magari meno su quelle tecni­che…). Però lo staff tecnico biancoceleste oggi chiederà al­la Primavera di non far partire per la trasferta di Avellino (in programma domani) uno dei suoi due portieri, Degrè o Ian­narilli, più probabilmente il francese. Questo in attesa di verificare le condizioni fisiche di JP. Delio Rossi ha intenzio­ne di convocarlo per Siena. Ma certo non si può escludere che dalla società possa arriva­re una decisione di segno con­trario, magari in seguito a un colloquio poco chiarificatore con il portiere.

Caso Angeleri Il flop di Carrizo è andato in mondovisione. Quello della Lazio su Angeleri è invece pieno di retroscena. A dicembre Lotito aveva chiuso l’accordo con il difensore ar­gentino, ma tutto era subordi­nato all’arrivo del passaporto italiano. Pratica che il difenso­re non avrebbe ancora portato a termine. Il Parma non ha in­vece di questi problemi ed è di­sposto a portare in Italia il gio­catore a prescindere dal passa­porto. Così ha chiuso la tratta­tiva, anche se in casa Lazio c’è chi ha ancora speranze. È però un altro scivolone di Lotito, do­po che a gennaio il Livorno gli aveva soffiato Cellerino. An­che se ieri il patron ha fatto fin­ta di niente: «Angeleri? E chi l’ha mai seguito? Il suo acqui­sto non è una nostra priorità». Bugia, visto che il futuro d.s. Tare aveva messo tra gli obiet­tivi l’argentino poco più di un mese fa.

La replica Lotito ha chiuso la sua mattina con la replica del­lo show di una settimana fa, ri­volto alla squadra: «Il mio ap­proccio nel futuro sarà comple­tamente diverso. Finora sono sempre stato un padre com­prensivo, d’ora in poi sarà un giudice severo e inflessibile. La squadra deve dimostrare ai tifosi serietà e concentrazio­ne, finora non l’ha fatto». E tut­ti contenti. Per le parole e la strigliata che arriverà nelle prossime ore: «Parlerò con la squadra prima di domenica». Evviva.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Condividi

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Leggi anche

Settembre 26, 2022
-
Valerio La Torre
Domenica 25 settembre 2022 Alla maratona di Berlino protagonista del fresco record...
Settembre 26, 2022
-
Gianluca La Penna
La Lazio tornerà ad allenarsi domani dopo i due giorni di riposo...

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sulle ultime news

Lazio Live
La storia siamo noi
L’Almanacco
Lazio Wiki
Richiedi la tua
tessera GRATUITA