Rugby – Lazio retrocede matematicamente

Calvisano (BS) Termina 50-28 in favore del Rugby Calvisano la sedicesima giornata di campionato del PeroniTOP10.

Anche nella partita di oggi i biancocelesti hanno messo davvero in grande difficoltà gli avversari, facendo rimanere tutti con il fiato sospeso fino all’ultimo quarto di gara. Davvero encomiabile la prova del XV romano che anche oggi nonostante una situazione di classifica compromessa è scesa in campo alla pari contro un avversario quotato come il Calvisano.

Con il risultato di oggi la Lazio retrocede ufficialmente in Serie A dopo undici stagioni consecutive nella massima serie.

Retrocessione che arriva al termine di una stagione in cui i biancocelesti hanno giocato spesso alla pari tante delle partite affrontate, mancando però in tante, troppe occasioni l’appuntamento con una vittoria che avrebbe probabilmente consentito un’iniezione di fiducia per la giovane squadra biancoceleste.

La partita di oggi ha decretato la nostra retrocessione dopo undici anni di permanenza nella prima divisione” ha dichiarato il Presidente della Lazio Rugby 1927 Alfredo Biagini “Eravamo ovviamente consapevoli che non era questa la partita che avrebbe potuto consentirci di riaprire la lotta per la salvezza. Abbiamo perso occasioni importanti nel corso di tutto l’anno e soprattutto nelle ultime partite contro le Fiamme Oro e contro il Mogliano. In fondo se guardiamo i risultati sono proprio le due partite con Mogliano ad aver determinato la nostra retrocessione. Credo che sia un peccato che questa squadra abbia concluso la propria esperienza con un risultato così negativo, anche oggi hanno dimostrato di essere un buon gruppo a cui senz’altro è mancato qualcosa in termini di esperienza e di capacità di gestione della partita. D’altra parte per tutto l’anno non siamo stati in grado di impiegare tre dei quattro giocatori stranieri tesserati ad inizio stagione. E’ ovvio comunque che questa può essere una recriminazione ma non una giustificazione. Nello sport i risultati vanno accettati e così come per tanti anni siamo stati felici di conservare la categoria quest’anno non possiamo che prendere atto della nostra sconfitta. Adesso è il momento di pensare ad un programma per il nostro futuro con la serenità che si deve avere in questi momenti e con la consapevolezza di aver costruito un buon gruppo di giocatori. E’ chiaro peraltro che la pianificazione del futuro deve anche tenere conto di quelli che sono i programmi federali perché tutti i club e soprattutto il nostro dovranno confrontarsi con il progetto del presidente Innocenti di ridurre a 6 il numero delle squadre partecipanti alla prima divisione e di rendere la massima serie impermeabile alla retrocessioni e alle promozioni. E’ chiaro che un conto è partecipare al campionato di Serie A per ambire a tornare nella massima serie un altro è partecipare ad un campionato fine a se stesso e che ovviamente non può certo rivestire il valore di campionato idoneo ad attribuire un titolo, considerato che impostato in questo modo sarà comunque un campionato di terzo livello considerando anche le franchigie. Ringrazio ancora i giocatori e lo Staff per l’impegno che hanno dimostrato nelle ultime gare, che non era scontato e mi auspico che faranno altrettanto nelle prossime due per onorare il campionato e il nostro Club”.

La cronaca del match: Nel primo tempo avvio veemente della Lazio che partiva forte andando a segno al 5’ con Daniel Donato e successivamente al 12’ con Nicolas Coronel, mete entrambe trasformate da Francesco Cozzi e che portavano i biancocelesti avanti sul 14-0.

Il Calvisano rispondeva prontamente con le due segnature pesanti ravvicinate siglate prima dal centro Damiano Mazza e successivamente dal trequarti ala Edoardo Mastandrea, che riportavano i padroni di casa a distanza nel punteggio dopo la trasformazione sul 14-12.

Al 31’ il Calvisano rimaneva in 13 prima per un cartellino giallo contro Schalk Hugo e successivamente per un rosso contro il pilone Nicolò D’Amico, permettendo alla Lazio di giocare in 13 negli ultimi minuti del primo tempo. La Lazio trovava la marcatura che riportava gli uomini di coach De Angelis sopra break: al 34’ era Leopoldo Herrera a schiacciare l’ovale oltre la linea.

Nell’ultima azione del primo tempo il Calvisano accorciava nuovamente le distanze con un drive avanzante che riportava i padroni di casa a distanza ravvicinata nello score, con la prima frazione di gioco che si chiudeva così sul 21-19.

Nella seconda frazione dopo i primi minuti di equilibrio era il neo entrato Samuela Vunisa a finalizzare una nuova avanzata della mischia di casa. Due minuti più tardi ancora Lazio propositiva nella metà campo giallonera, con Giovanni Montemauri che finalizzava una bella azione personale di Nicolas Coronel. Al 57’ il direttore di gara estraeva un cartellino giallo contro il pilone destro biancoceleste Facundo Maina, lasciando così la Lazio in 14. Nell’ultimo quarto il Calvisano ritrovando la parità numerica riprendeva fiducia dilagando nel punteggio con tre marcature ravvicinate che chiudevano il match sul definitivo 50-28.

Prossimo impegno per la Lazio Sabato 9 Aprile in trasferta sul campo dei Lyons Piacenza.

Calvisano, Stadio “San Michele” – sabato 19 marzo 2022 ore 13
Peroni TOP10, XVI giornata
Transvecta Rugby Calvisano v Lazio Rugby1927  50-28 (19-21)
Marcatori: p.t. 
5′ m. D. Donato tr. Cozzi (0-7), 12′ m. Coronel tr. Cozzi (0-14), 21′ m. Mazza (5-14), 25′ m. Mastandrea tr Hugo (14-14), 34′ m. Herrera tr Cozzi (14-21), 39′ m. Bernasconi (19-21); s.t. 5′ m. Vunisa tr. Consoli (26-21), 7′ m. Montemauri tr Cozzi (26-28), 20′ m. Leso tr Hugo (33-28), 25′ m. Hugo (38-28), 32′ m. Brighetti tr Hugo (45-28), 38′ m. Izekor (50-28).
Transvecta Rugby Calvisano: Van Zyl, Mastandrea (51′ Ragusi), Panceyra Garrido (cap.), Mazza (52′ Brighetti), Susio (18′ Leso, 64′ Gavrilita), Hugo, Consoli; Bernasconi (52′ Maurizi), Izekor, Greenon (41′ Vubisa), Ortis, Zanetti (41′ Van Vuren), D’Amico, Morelli (47′ Marinello), Gavrilita (41′ Barducci).
All. Guidi.
Lazio Rugby 1927: Cozzi, D. Donato, Baffigi, Coronel (69’Gianni) Herrera (52′ Pancini) Montemauri, Loro (cap.), Asoli; J. Donato, Parlatore (69′ Pilati), Broglia (75′ Criach), Riccioli, Maina (70′ Cacciagrano), Gisonni (75′ Gentile), Leiger.
All. De Angelis
Arb.Riccardo Angelucci (Livorno)
AA1 Federico Boraso (Rovigo), AA2 Simone Boaretto (Rovigo)
Quarto Uomo: Roberto Lazzarini (Rovigo)
TMO: Stefano Pennè (Lodi)
Cartellini: al 30′ giallo Hugo (Transvecta Rugby Calvisano), 31′ rosso D’Amico (Transvecta Rugby Calvisano), 57′ giallo Maina (Lazio Rugby)
Calciatori: Hugo (Transvecta Rugby Calvisano) 4/6; Consoli (Transvecta Rugby Calvisano) 1/2, Cozzi (Lazio Rugby 1927) 4/4
Note:  giornata soleggiata con circa 12°, campo in ottime condizioni. Spettatori 300 circa.
Punti conquistati in classifica: Transvecta Rugby Calvisano 5; Lazio Rugby 1927 1
Peroni Player of the Match: Facundo  Panceyra Garrido (Transvecta Rugby Calvisano).

SS LAZIO RUGBY

Condividi

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Leggi anche

Luglio 1, 2022
-
Gianluca La Penna
Dopo le parole di Luca Percassi che di fatto ha gelato la...
Luglio 1, 2022
-
Gianluca La Penna
Sorpresa in casa Lazio tra i pali. Non bastasse la querelle Marco...

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sulle ultime news

Lazio Live
La storia siamo noi
L’Almanacco
Lazio Wiki
Richiedi la tua
tessera GRATUITA