Murgia: “Aspetto il mio turno serenamente. Leiva? Maestro immenso da cui rubo ogni giorno”

Il centrocampista della lazio, Alessandro Murgia, faceva parte della delegazione che stamattina  ha fatto visita all'Istituto Comprensivo Giorgio Perlasca di via Gemmellaro 47 nel Rione Pietralata. Il talento dell'Eur, come sempre, ha risposto alle domande provenienti da alcuni aluni della scuola. “Sono felice e contento qui alla Lazio, non penso né credo penserò mai di cambiare: ho sempre indossato solo questa maglia, voglio farlo ancora per molto. . Adattarsi a nuove realtà è facile perché si riesce a fare amicizia con tutti: lo sport regala unione ed amicizia, oltre a tanti momenti belli – ha spiegato – Il mio inizio? Avevo 6 anni, all'epoca era solo   divertimento poi crescendo è diventato un mio obiettivo. Quando fai questo sport, l’importante è vivere emozioni. Amo il calcio e amerò sempre questo sport, che oggi è diventato il mio lavoro, e farò tutto perché resto così”. In biancoceleste giocano tanti starnieri. “All’inizio capire lingue diverse non è semplice ma questo è uno sport d’unione ed il feeling si crea in modo naturale”. Il numero 96 non nasconde la gioia per gli obiettivi raggiunti. “Essere un idolo è la cosa più bella che possa dare questo sport. Rendere felici i bambini con un gesto è bellissimo. Non c’è emozione più grande che fare un lavoro che renda felici gli altri: riuscirai soddisfa anche noi!”. Immancabile la domanda sulle sue qualità da studente. “Ero abbastanza bravo, lo studio è stato importante: mi sono diplomato, anche se giocavo a calcio. Nella vita lo sport è importante, come anche la cultura per imparare a prendere decisioni nel futuro. Ho fatto la scelta di diventare un calciatore solo dopo aver chiuso il percorso studentesco”. Il centrocampista con i cronisti presenti ha parlato anche del prossimo avversario, bisogna tornare alla vittoria in campionato. “Una gara molto importante, dopo un inizio non ottimo il Genoa si è ripreso, è carico, ha cambiato allenatore, sta giocando molto meglio, sarà una gara difficile ma in campo metteremo tutto quello che sappiamo fare”. Il numero 96 nel 2018 ha disputato solo 4 minuti. “Sì ho molta voglia ma sono sereno, so di stare in un gruppo con giocatori molto forti, penso solo ad allenarmi al meglio, quando avrò un'occasione darò il massimo”. Lulic&Co sono attesi da tante gare, quale il clima nello spogliatoio? “Il clima è sereno. Siamo un bel gruppo, stiamo facendo belle cose ma abbiamo ancora voglia di arrivare più in alto ottenendo i risultati che cie ravamo prefissati”. Quale il rivale più pericoloso tra Inter e Roma? “Noi pensiamo una gara alla volta, difficile sapere cosa accadrà. Inter e Roma sono due  grandi squadre con ottimi allenatori e ottimi giocatori, ma noi pensiamo solo alla Lazio e alla fine tireremo le conclusioni” . Ultimo pensiero sul maestro Lucas Leiva. “Parliamo di un giocatore immenso da cui posso solo imparare. Giorno per giorno rubo con gli occhi e lo ringrazio per i consigli  che mi dà”. 

Condividi

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Leggi anche

Dicembre 2, 2022
-
Gianluca La Penna
Doppia seduta oggi e domani per la Lazio di Maurizio Sarri dopo...
Dicembre 2, 2022
-
Gianluca La Penna
L’Uefa ha aperto un’inchiesta sulla Juventus per “potenziali violazioni dei regolamenti sulle...

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sulle ultime news

Lazio Live
La storia siamo noi
L’Almanacco
Lazio Wiki
Richiedi la tua
tessera GRATUITA