Lazio, Tudor: “Derby da vincere! Pellegrini e Rovella? Sono…”

Igor Tudor si prepara alla prima sfida alla Roma da allenatore della Lazio. Il tecnico croato, alla vigilia del derby, ha parlato a Formello nella consueta conferenza stampa di presentazione. Tanti i temi toccati, da Kamada a Immobile a passare alla situazione degli infortunati, di seguito le sue parole:

CHE LAZIO SERVE?  

«Una Lazio giusta, buona in tutte le cose che deve avere. Testa, cuore e gambe. E’ una gara sentita, va usata la testa. Dobbiamo andare forte e fare il meglio possibile».

DERBY

 «Ne ho fatti un po’ anche all’estero. Qualche bel derby c’è stato, a me queste partite importanti sono sempre piaciute. Sono partite diverse, ma anche come le altre, da preparare al meglio. Vanno interpretate in questo modo. Non puoi scappare dalle sensazioni della gente, da quelle dei giocatori. Si deve dare qualcosa in più non perdendo la testa, così va vissuto un derby piacevole. Con il giusto antagonismo e rispetto per l’avversario, rispetto per il calcio, dando emozioni e tifando la squadra. Questo è sport, stare sempre nel giusto, forzando la bellezza di questo sport bellissimo».

DIFFERENZE RISPETTO ALLA GARA CON LA JUVE

 «Ci sono queste tre gare in sette giorni con in mezzo uno o due allenamenti, dove si può dire di lavorare perchè non è un lavoro. C’è da preparare al meglio l’allenamento di oggi. Ho visto più cose positive che negative, giocando quella squadra di cui sappiamo il livello. Siamo sulla strada giusta, ben interpretata dai giocatori che sono convinti e hanno tanta voglia di fare. C’è solo da crescere e migliorare».

DE ROSSI ?

 «Ho visto ora le gare, è una Roma interessante, diversa da quella prima, con un’idea giusta per i giocatori che ci sono. Ha qualità nel gioco. De Rossi ha fatto un buon lavoro, lo devo ammettere. Sarà molto difficile. Una gara, la prevedo, con due squadre che hanno le loro caratteristiche in certi aspetti simili. Due squadre che vogliono avere il pallone, già è una cosa bella. Spero che la gente si diverta, ma anche che vinciamo noi. Lo conosco da giocatore, mi è sempre piaciuto il modo di fare. Ha dei valori. Non lo conosco bene, ma da fuori ha valori giusti. Ha iniziato ora la sua carriera ed è un buon inizio se posso dire».

VINCERE GIOCANDO ALLA TUDOR

«C’è modo e modo di fare, non è una domanda a cui posso rispondere apertamente, c’è anche strategia se mi posso permettere. Se ora parlo già entro nei dettagli che sono cose interne. E’ chiaramente una gara particolare, poi ci sono momenti da valutare, da pensare bene, in cui essere furbi. Dall’altra parte non dobbiamo rinunciare a cosa siamo. Bisogna fare tutto».

ISOLARSI DALLE VOCI PRIMA DEL DERBY

«Vivo qua, non ho ancora trovato un appartamento. Sono andato solo in centro per una cena, sono abbastanza isolato qua. Capisco l’importanza di questa gara per la città, domani la voglio vivere con l’atmosfera giusta. Mi piacciono queste grandi gare. Non vedo l’ora che inizi».

DIVERSI MODULI

«Uno inizia a lavorare e mette quello che pensa, quello che è il suo calcio. Poi le cose si aggiungono. Mano mano migliori la squadra, è normale. Non è che dopo cinque giornate fai un altro calcio, dopo cinque un altro… Lo stile deve essere sempre uguale. Poi abbiamo parlato tanto dei numeri, quelli centrano fino a un certo momento».

ATTACCO

«Non abbiamo giocato contro una squadretta con giocatori scarsi. Io lavoro per migliorare sempre, non mi accontento mai nelle due fasi. E’ presto per dare giudizi su qualsiasi cosa ecco. A me, come ho detto prima, mi piace come i giocatori stanno interpretando questa via qua. Vedremo con le partite, ora faccio fatica a parlare dopo due gare. Sappiamo come sono state quelle due gare, con le Nazionali in mezzo. Una roba particolare nel lavorare con la squadra. Ci sono stati giocatori con uno o due allenamenti e già più o meno si riconoscevano le cose. Prendiamo un po’ di tempo per dare giudizi su qualsiasi cosa».

KAMADA

«Ho parlato tanto di lui. Dopo la Juve, sulle misure fatte di stress, è andato oltre tutti. Ha dato veramente tutto, avendo una condizione di chi non ha giocato tanto, è andato oltre le sue possibilità. E’ duttile in tutto quello che fa, è ad un buon livello su tutto. E’ un giocatore completo».

GLI INFORTUNATI

«Rovella e Pellegrini li ho visti bene, carichi e andavano forte. Hanno dato un piccolo contributo, domani li portiamo in panchina sicuro».

CHE ROMA SI ASPETTA

 «Non posso dire io cosa succederà, che partita sarà è difficile da dire. Se uno perde e uno vince si va avanti».

Foto: sslazio.it

Condividi

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Leggi anche

Giugno 22, 2024
-
Fabrizio Picariello
Nel vortice di mercato che sta vivendo in questi giorni la prima...
Giugno 21, 2024
-
Daniele Valeri
Federico Palmaroli, grande tifoso della Lazio noto fumettista e autore de “Le...

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sulle ultime news

Lazio Live
La storia siamo noi
L’Almanacco
Lazio Wiki
Richiedi la tua
tessera GRATUITA