Gravina attacca Lazio e Lotito senza nominarli: la replica del club e della Lega di A

In un momento in cui il calcio italiano avrebbe bisogno di unità di intenti, tra Figc e Lega di A continuano a volare stracci con la Lazio involontaria protagonista. Tutto inizia venerdì pomeriggio nella conferenza stampa azzurra, quando Mancini a domanda su Zaccagni e Lazzari risponde:  “Mi sembrava stessero bene, ma loro mi hanno detto ieri di avere dei problemi e li abbiamo mandati a casa”. Il messaggio indiretto sembrerebbe quindi “ se avessero stretto i denti…”. Il giorno dopo, su molti mezzi di informazione, in primis “La Gazzetta dello Sport” – che quando c’è da attaccare la Lazio stappa bottiglie – volano critiche sull’atteggiamento dei biancocelesti. La Lazio sabato mattina diffonde un comunicato che recita: “Manuel Lazzari e Mattia Zaccagni, durante gli ultimi allenamenti effettuati con la Nazionale hanno avvertito riacutizzazioni di problemi cronici preesistenti. Per tali motivi saranno sottoposti nei prossimi giorni a controlli clinici e ad eventuali esami strumentali”. Tutto apposto? Neanche per sogno. Gravina, ormai nota la reciproca ostilità con Lotito, peccato che lui da presidente FIGC dovrebbe essere neutrale, lancia un altro sasso con queste affermazioni: «L’attaccamento al club Italia comincia a sfumare, noto una sorta di distacco, qualcuno lo fa per una forma di rancore o per meri interessi economici». Anche qui il bersaglio appare chiaro, anche se invece di usare mezze accuse sarebbe meglio fare nomi e cognomi. Ovviamente il ping-pong prosegue. Da Formello nel pomeriggio, una fonte interna non specificata, ribadendo il contenuto della nota pubblicata in mattinata, aveva ulteriormente chiarito:  «Grande sorpresa per queste dichiarazioni perché, già prima del match di Wembley, il professor Ferretti si era interfacciato più volte con il nostro dottor Rodia. Così il 2 giugno lo staff medico azzurro ha deciso di far tornare Lazzari e Zaccagni a Roma perché le loro condizioni fisiche non gli permettevano di sostenere le partite e nemmeno gli allenamenti a Coverciano. Al rientro nella capitale, infatti, ulteriori esami hanno confermato la diagnosi di Ferretti, e i due giocatori sono stati sottoposti alle terapie del caso». Si aggiungeva anche la Lega di A, che precisava: «È l’ennesimo tentativo da parte della Federazione di screditare, e di conseguenza danneggiare, le società in un momento in cui tutto il movimento italiano dovrebbe essere più unito». A chiudere la vicenda, finalmente, le parole di mancini ieri dopo l’1-1 a Bologna con la Germania in Nations League. «Non so di cosa parli la Lega, ma io ho rispedito Zaccagni e Lazzari a casa dopo che il medico mi ha detto che non potevano giocare l’incontro». Parole un po’ diverse da quelle pronunciate all’inizio della storia. Tanto rumore per nulla, forse Gravina o chi per lui stavolta dovrebbe chiedere scusa. Ma non accadrà.

Condividi

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Leggi anche

Settembre 28, 2022
-
Gianluca La Penna
L’8ª giornata di Serie A TIM Lazio-Spezia, in programma domenica 2 ottobre...
Settembre 27, 2022
-
Valerio La Torre
ATLETICA LEGGERA Maratona di Berlino: Daniele Ferrante 2h51’48” Maria Grazzia Bianchi 2h54’54” Emanuele...

Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sulle ultime news

Lazio Live
La storia siamo noi
L’Almanacco
Lazio Wiki
Richiedi la tua
tessera GRATUITA