Sport e news dal Mondo

Tor di Valle - Danno erariale per il Comune: Finanza indaga su presunto errore da 20 milioni

Tor di Valle - Danno erariale per il Comune: Finanza indaga su presunto errore da 20 milioni

Prosegue il lavoro della Guardia di Finanza in merito alle presunte violazioni nell'iter amministrativo del progetto dello stadio di Tor di valle, proponenti James Pallotta e Luca Parnasi. Come rivela Il Messaggero, uno sbaglio nel valutare le cubature potrebbe aver avvantaggiato i privati per una cifra di circa 20 milioni di euro: l'ipotesi è quello di danno erariale per il Comune. Come annunciato, ieri le Fiamme Gialle si sono presentate in Campidoglio per acquisire tutti gli atti dell'opera della 2P giallorossa. La delega ad investigare arriva dalla Corte dei Conti che ha espressamente chiesto al Nucleo di polizia economico finanziaria di ottenere  dagli uffici capitolini, tra l'altro, la relazione conclusiva della Due diligence interna che contiene i computi metrici e prezzari del progetto. Tornando al cuore del lavoro, ad avvantaggiarsi dell'eventuale errore sarebbero i privati di Eurnova. Oltre alle carte, incluso il verbale della Conferenza di Servizi, i finanzieri ora potranno visionare anche  la risposta dell'avvocatura capitolina alla richiesta di parere fatta dall'ex assessore all'Urbanistica,  Paolo Berdini. Istanza che si proponeva di capire l'eventuale richiesta di risarcimento da parte dei proponenti – leggi James Pallotta -  laddove il Campidoglio avesse deciso di rinunciare all'opera, di fatto negando a posteriori l'interesse pubblico sancito con una delibera. All'esame, prosegue Via del Tritone, ci sarebbero anche la lettera inviata il 12 dicembre 2014 dagli avvocati Alessandro Pallottino e Valentina Canale ai capigruppo e tutte le osservazioni di variante al progetto, infine, il verbale dell'Assemblea capitolina del 22 dicembre 2014. L'esito della due diligence interna, nata dopo gli arresti per corruzione del costruttore Luca Parnasi e dei suoi presunti sodali (attualmente sotto processo) era stata mandata alla sindaca Raggi. Ad accorgersi degli errori erano stati i dirigenti del Dipartimento Urbanistica, che subito dopo gli arresti dell'estate 2018 avevano ripreso in mano tutti i fascicoli relativi al progetto stadio.
Così scrive ancora Il Messaggero: “Nella relazione finale, stilata a ottobre, i vizi riguardano le volumetrie. Una revisione era già avvenuta nel 2017, proprio per volontà dei Cinquestelle, ma nel calcolo finale ci sarebbe ancora un difetto che, all'epoca, avrebbe avvantaggiato Eurnova, la società di Parnasi. Il tema è la «superficie utile lorda» per costruire principalmente uffici, alberghi e negozi. Il vero core business dell'affare, 212mila metri quadri in più rispetto ai limiti del Piano regolatore. Secondo la due diligence una fetta importante delle nuove costruzioni ricadrebbe su terreni espropriati dal Comune (circa 39mila metri quadri) e non su aree dei proponenti. Terreni espropriati e ceduti ai privati che, se il progetto stadio fosse stato realizzato, avrebbe visto crescere il loro valore: 20 milioni di differenza che l'amministrazione non avrebbe incassato. Tanto che a ottobre il Comune ha chiesto ai proponenti di aumentare gli investimenti per le opere pubbliche”.



Torna all'elenco
Titolo Lazio in Borsa
Almanacco Lazio Wiki
Cronache Tabellini Prossima Gara