Sport e news dal Mondo

METRO REPUBBLICA – Danno meccanico o fattore esterno: i tifosi russi non c'entrano nulla

METRO REPUBBLICA – Danno meccanico o fattore esterno: i tifosi russi non c'entrano nulla

Proseguono le indagini su quanto accaduto nel tardo pomeriggio del 23 ottobre scorso, quando la scala mobile che porta alle banchine della stazione della metropolitana Repubblica ha ceduto coinvolgendo  26 tifosi russi del Cska Mosca, accusati in un primo momento di aver causato la rottura della pedana mabile per il loro saltellare sulla stessa. Come riportato anche da la Repubblica, a seguito del dissequestro da parte degli inquirenti della stazione ma non della rampa, la procura avrebbe individuato i responsabili in primis in tre dirigenti dell’Atac, presenti ai vertici della manutenzione all’interno della municipalizzata; in seconda battuta a finire nel mirino anche il titolare della società che ha in appalto la gestione e la manutenzione delle scale mobili della metro. L’inchiesta, portata avanti dal procuratore aggiunto Nunzia D’Elia e dal pm Francesco Dall’Olio, è aperta per il reato di disastro colposo e per lesioni personali: dei 24 tifosi finiti in ospedale per varie ferite, due di loro, quelli che hanno riportato lesioni più gravi, hanno sporto querela; contrariamente a quanto trapelato subito dopo il fatto, nessuno di loro dovrà subire l'amputazione di un piede. In merito al cedimentod ella rampa, due le ipotesi al vaglio: rottura di un pezzo meccanico, forse un gancio; colpa di un fattore esterno, non identificabile comunque nell'esuberanza dei tifosi russi. In particolare, nei video di sorveglianza non c’è traccia di persone che saltano, mentre sono evidenti i frames  nei quali la scala mobile accelerare, facendo sia cadere alcuni passeggeri e risucchiandone altri tra gli scalini della scala.  Per ulteriori accertamenti, i magistrati hanno incaricato un ingegnere esperto in incidenti che coinvolgono mezzi di trasporto pubblico: il perito avrà tre mesi per stilare la perizia. L’unica area al momento interdetta resta la scala mobile incidentata. Come specifica il quotidiano romano, “al termine dell’inchiesta, una volta identificate le responsabilità penali la palla passerà alla municipalizzata dei trasporti. Con ogni probabilità dovrà essere indetta una gara d’appalto pubblica per la sostituzione della scala mobile. Non solo quella crollata ma anche le altre cinque, visto che tutte le rampe fanno parte di un unico blocco. Con la conseguenza che la stazione resterà chiusa ancora più a lungo”. 

 



Torna all'elenco
Titolo Lazio in Borsa
Almanacco Lazio Wiki
Cronache Tabellini Prossima Gara