Sport e news dal Mondo

ADDIO AD ASTORI - Il saluto di Badelj: "Il tuo nome significa l'Amato. Sei la nostra Luce"

ADDIO AD ASTORI - Il saluto di Badelj:

Ieri in Santa Croce, con la piazza gremita da oltre 10mila persone, l'ultimo saluto a Davide Astori. In Chiesa il messaggio d'addio affidato al croato Milan Badelj, queste le aprole del numero 5 viola:
 
Prendo io la parola a nome di tutti i nostri compagni e di tutta la famiglia viola e ti prometto che sarò breve come piace a te. Inizio dal tuo nome, che in ebraico significa amato e diletto. Vedendo tutta la gente che è venuta qua, il tuo nome è sicuramente quello giusto.
 
TU sei semplice, pragmatico, diretto, col tuo sguardo profondo riesci a entrare dentro le persone e rimanerci. Tu non sei come gli altri, sei quello che pur non sapendo bene le lingue è riuscito a parlare con tutti noi, tenendoci uniti e indicandoci la strada perché hai sempre parlato col cuore. Sei tu che bacchetti i più giovani e inciti noi vecchi, hai il dono della lingua universale del cuore dono di pochi eletti. I tuoi genitori devono sapere che non hanno sbagliato niente con te, sei esattamente il figlio e il fratello che ognuno vorrebbe avere, sei il miglior compagno di squadra che un ragazzo possa sognare quando inizia questo bellissimo gioco.
 
Averti accanto ti fa sentire sicuro pensando: «Tanto c’è Davide». Come possiamo dimenticare le tue risate e il tuo modo di scherzare con tutti noi? Tu designer di fama mondiale e calciatore nel tempo libero, come amavi definirti. Tu sei il calcio, quello puro dei bambini. Il nostro pensiero oggi va a mamma, papà, Bruno, Marco, Francesca e alla principessa Vittoria. Tua figlia crescendo deve sapere chi è un uomo con la U maiuscola. Finisco con un aneddoto: al mattino quando arrivavi nella stanza della fisioterapia eri sempre tu ad accendere la luce. Tu sei questo per tutti noi: luce. Grazie Davide.
 



Torna all'elenco
Titolo Lazio in Borsa
Almanacco Lazio Wiki
Cronache Tabellini Prossima Gara