Financial Fair Play

Bilancio al 30 giugno 2020: perdita Bilancio Separato a 13 milioni, il consolidato a meno 15,9

Bilancio al 30 giugno 2020: perdita Bilancio Separato a 13 milioni, il consolidato a meno 15,9

l Consiglio di Sorveglianza della Lazio ha approvato il 26 ottobre 2020 il Progetto di Bilancio Separato e Consolidato al 30 giugno 2020. Il Bilancio Separato è quello della società di calcio quotata in Borsa; il Bilancio Consolidato è quello delle varie attività, sportiva, marketing, immobiliare, squadra femminile. Il Bilancio Consolidato al 30 giugno 2020 si chiude con una perdita di € 15.876.263 (secondo bilancio consecutivo in perdita); il precedente Bilancio Consolidato chiuso al 30 giugno 2019 si era chiuso con una perdita di € 13.161.051. Il Bilancio Separato della Lazio SpA (la Società quotata in Borsa) si chiude con una perdita di € 12.955.391. La peculiarità dell’esercizio è rappresentata dalla pandemia da Covid-19 che ha costretto prima alla sospensione del Campionato di Serie A e poi alla sua ripresa senza spettatori; ciò ha comportato l’allungamento della stagione sportiva da 12 a 14 mesi, con chiusura al 31 agosto 2020, ed ha determinato i seguenti principali impatti per il Gruppo: minori ricavi da diritti televisivi e da sponsorizzazione, minori incassi da gare, minori incassi da merchandising per la chiusura dei negozi, riduzione di determinate voci di costo legate alla stagione sportiva, tra cui, principalmente, gli stipendi dei calciatori e tecnici; a proposito di questi ultimi la Relazione sulla gestione al bilancio consolidato ripete quanto era stato già detto nel Comunicato stampa emanato in occasione del Consiglio di Gestione dell’8 ottobre 2020 e cioè che la rinuncia a due stipendi non è stata accettata da tutta la squadra; nella Relazione infatti si dice che “la Lazio ha raggiunto degli accordi con alcuni calciatori e tecnici della Prima Squadra che hanno rinunciato totalmente ai loro compensi per i mesi di marzo ed aprile 2020.” Tra i costi non presenti nel bilancio al 30 giugno 2020 ci sono anche i premi individuali e collettivi legati alla qualificazione a competizioni europee in quanto maturati nei mesi successivi al 30 giugno 2020.
L’anomalia determinata dall’allungamento della stagione sportiva 2019-2020 si rifletterà anche sul bilancio al 30 giugno 2021 che ne risentirà sia nella determinazione dei ricavi che dei costi.
Riportiamo ora a seguire varie notizie spicciole estratte dal documento approvato ieri dal Consiglio di Sorveglianza:
Il Bilancio Consolidato include la S.S. Lazio SpA, la Lazio Marketing & Communication SpA e la S.S. Lazio Women 2015 Srl; la prima società svolge le attività tecnico-sportive ed è la società quotata in Borsa, la seconda svolge le attività pubblicitarie, di merchandising ed in generale di sfruttamento commerciale del marchio S.S. Lazio, nonché le attività immobiliari, mentre la terza società svolge le attività tecnico-sportive legate alla squadra di calcio femminile militante nel Campionato di Serie B.
La Lazio Marketing & Communication SpA ha erogato un dividendo alla Capogruppo di € 9,5 milioni; questa operazione riduce la perdita del Bilancio Separato, mentre è ininfluente sul Bilancio Consolidato.
La partecipazione della S.S. Lazio SpA nella S.S. Lazio Women 2015 Srl è stata svalutata di € 230.000; questa operazione concorre alla perdita della Capogruppo, mentre è ininfluente sul Bilancio Consolidato.
Il compenso riconosciuto dalla S.S. Lazio SpA al Consiglio di Gestione è stato di € 612.000 (di cui € 600.000 al Presidente Claudio Lotito ed € 12.000 al Consigliere Marco Moschini) e quello riconosciuto al Consiglio di Sorveglianza ammonta ad € 75.000 (di cui € 15.000 al Presidente ed € 12.000 a ciascuno dei Consiglieri). Questo è quanto fu stabilito per l’esercizio 2019-2020 dall’Assemblea degli Azionisti del 28 ottobre 2019 con riferimento alla parte fissa della remunerazione; la componente variabile sarà determinata in coerenza con il divenire della gestione e la realizzazione dei programmi formulati.
La perdita da Bilancio Consolidato di € 15.876 è dovuta per € 21.448 all’attività sportiva ed a € 0,23 all’attività immobiliare, compensate parzialmente dall’utile dell’attività commerciale di € 5.802.
Il valore dei Diritti alle prestazioni pluriennali dei tesserati ammonta al 30 giugno 2020, al netto degli ammortamenti, ad € 86.568.698. Di tale cifra il valore più alto è quello attribuito a Lazzari (€ 12,56 milioni), seguito da Correa (€ 10,62 milioni), da Vavro (€ 8,47 milioni), da Acerbi (€ 6,74 milioni), da Moro (€ 4,63 milioni), da Immobile (€ 4,49 milioni), da Milinkovic-Savic (€ 2,91 milioni), da Leiva (€ 2,07 milioni). Nella tabella allegata al documento approvato dal Consiglio di Sorveglianza si scoprono alcuni nomi mai inseriti in prima squadra come Dziczek acquistato dal Gliwicki il 22 agosto 2019 e valutato € 1,77 milioni, Cicerelli valutato € 2,1 milioni (ora in prestito alla Salernitana), Novella e Marino acquistati dalla Salernitana a gennaio 2020 per € 4,03 milioni ed ora in carico per rispettivamente € 2,66 milioni ed € 0,9 milioni; gli ultimi due dovrebbero far parte della Primavera della Lazio. Nell’elenco dei tesserati al 30 giugno 2020 non risulta Akpa Akpro! Le svalutazioni dei cartellini operate nell’esercizio ammontano ad € 3,08 milioni; le più rilevanti sono quelle di Badelj (€ 1,37 milioni), di Wallace (€ 1,22 milioni) e Berisha (€ 0,49 milioni), probabilmente per allineare i loro valori di bilancio al prezzo conseguito nella successiva cessione.
Le plusvalenze realizzate nell’esercizio ammontano ad € 14,56 milioni, di cui € 6,95 ed € 3,61 conseguenti alle cessioni dei due giovani portoghesi Pedro Lomba e Cavaco Jordao, ed € 4 milioni conseguente alla cessione di Murgia.
I rapporti con Parti correlate pesano nel Bilancio Consolidato al 30 giugno 2020 complessivamente per € 8,48 milioni; si precisa che “tali transazioni sono state perfezionate nel rispetto della correttezza sostanziale e procedurale ed a normali condizioni di mercato”. La metà delle operazioni con Parti Correlate sono svolte con la U.S. Salernitana; le transazioni con la società campana sono descritte nella Relazione sulla Gestione come segue: “per un costo di € 4,24 milioni, investimenti per € 7,10 milioni, credito per € 0,42 milioni e debito per € 0,54 milioni per premi di valorizzazione, acquisto di diritti alle prestazioni sportive di calciatori e l’utilizzo di diritti commerciali e pubblicitari nell’obiettivo anche dell’impiego e valorizzazione del proprio patrimonio sportivo soprattutto del settore giovanile”. Sarebbe interessante capire un po’ di più cosa sono “gli investimenti per € 7,10 milioni” ed indagare un po’ sulle operazioni di mercato svolte tra le due società, per esempio con riferimento a giocatori come Novella e Marino sopra citati.
La Relazione sulla Gestione si conclude dichiarando “non si ravvisano elementi o criticità che possano inficiare la capacità di operare come entità in funzionamento in un futuro arco temporale di almeno 12 mesi dalla chiusura dell’esercizio.”
La Società di Revisione Deloitte & Touche SpA dichiara che “il Bilancio Consolidato fornisce una rappresentazione veritiera e corretta della situazione patrimoniale e finanziaria del Gruppo al 30 giugno 2020, del risultato economico e dei flussi di cassa per l’esercizio chiuso a tale data”.
Il Bilancio chiuso al 30 giugno 2020 deve essere ora sottoposto all’Assemblea degli Azionisti che si riunirà a Formello alle 15.00 o di venerdì 20 novembre 2020 (in prima convocazione) o di giovedì 10 dicembre 2020 (in seconda convocazione). Nell’ordine del giorno non è prevista l’approvazione del bilancio, poiché la Lazio si è dotata del sistema duale e quindi il Bilancio è approvato dal Consiglio di Sorveglianza, che presenta all’Assemblea la propria Relazione, già disponibile. L’Assemblea è chiamata a deliberare in ordine al risultato d’esercizio relativo al Bilancio Separato al 30 giugno 2020. L’Assemblea riceverà poi la Relazione sulla politica di remunerazione e sui compensi corrisposti, nominerà il Presidente del Consiglio di Sorveglianza ed integrerà l’elenco dei Consiglieri Supplenti; gli ultimi due punti derivano dal decesso il 30 aprile 2020 del Presidente del Consiglio di Sorveglianza, Corrado Caruso, che ha determinato il conseguente subentro nel Consiglio di Sorveglianza del Consigliere Supplente Anziano Mario Cicala. Fino alla prossima Assemblea le funzioni di Presidente sono esercitate dal Vice-Presidente, Alberto Incollingo.
Paolo Lenzi 
 



Torna all'elenco
Titolo Lazio in Borsa
Almanacco Lazio Wiki
Cronache Tabellini Prossima Gara