A Roma solo la Lazio

Kessie affonda la Lazio di rigore. Il fattore rosa ridotta

Kessie affonda la Lazio di rigore. Il fattore rosa ridotta

Ormai parlare di calcio e basta nelle partite della Lazio diventa sempre più complicato. A san Siro i bancocelesti escono sconfitti 1-0 per un rigore al 79' decretato da Rocchi per una spinta dannosa quanto inutile di Durmisi a Musacchio, il danese era entrato in campo cinque minuti prima. La trama della gara è simile a tutti gli ultimi confronti tra capitolini e rossoneri, la Lazio parte meglio, non ottimizza la mole di gioco prodotto soprattutto nella prima frazione con el occasioni di Immobile e Correa mentre i padroni di casa emergono nel finale senza creare grandissime palle gol se non con un colpo di testa di Piatek e con Suso che, sull'1-0, obbliga Strakosha ad una grande parata. Se Gattuso si aspettava dal canto suo un calo degli ospiti, Inzaghi paga ancora una volta l'assenza di una panchina di livello. Uscito Correa al 47' per un problema ad una caviglia, Lulic&Co hanno perso l'unico calciatore col cambio di passo, Caicedo infatti è più una punta di possesso e sfondamento mentre il giovane Pedro Neto non è mai stato seriamente preso in considerazione dal tecnico piacentino. Paraddoslamente le azioni che decideranno la gara arrivano tutta dalla sinistra, Laxalt – entrato al 67' per Calabria – dalla fascia sinistra butta bei palloni, su uno di questi arriverà il fattaccio. Escluso il tema campo, una parentesi va dedicata all'arbitro Gianluca Rocchi. Da molti considerato il miglior direttore di gara italiano, il fischietto toscano al 78' inventa un rigore per il Milan per un colpo di gomito di Acerbi, decisione rivista al VAR con soli 10'' di tempo; all'ultimo minuto Rodriguez interviene su Milinkovic colpendo prima la palla che cambia direzione, finendo sulla corsa per incocciare il ginocchio destro del serbo. Nell'occasione Rocchi non fa una piega, nessun fischio e nessuna VAR, la sensazione è che non fosse un fallo pieno e che quindi il mancato penalty non sia follia. Detto ciò, Rocchi è lo stesso che per una fattispecie identica a a Napoli regala il secondo giallo ad Acerbi, il difensore laziale prende la palla piena levandola dalla disponibilità di Callejon, Rocchi la vede diversamente ed espelle l'ex Sassuolo. Detto ciò, la Lazio è quasi definitivamente fuori dalla lotta Champions – con una gara in meno Lazio a -1 dal Torino, -5 dalla Roma, -6 dal Milan, -11 dall'Inter; in attesa del recupero con l'Udinese capitolini a -3 dall'Atalanta che stasera affronta l'Empoli – A Formello pagano il punto fatto tra Spal, Sassuolo e Milan, soprattutto un mercato che non ha concesso a Inzaghi una vera alternativa a Correa, considerando che rispetto all'anno scorso non ci sono Felipe Anderson e Nani, oltre al fatto che l'unico altro scattista in rosa, Jordan Lukaku, di fatto non è mai stato disponibile. Arrivare in Champions con questa rosa sarebbe stato ripetere, a livello esponenziale, l'impresa della scorsa annata, corsa non vinta a causa dei disastri arbitrali che penalizzarono la Lazio. Arbitri che continuano a fare danni perché la verità è una: una classe arbitrale mediocre che palesa anche la presunzione di non accettare la correzione in tempo reale del VAR.     
Gianluca La Penna 
 
IL TABELLINO
 
Milan-Lazio 1-0
Marcatore: 79' rig. Kessie (M)
 
MILAN (4-3-3): Reina; Calabria (67'Laxalt), Musacchio, Romagnoli (68' Zapata), Rodriguez; Kessié, Bakayoko, Calhanoglu; Suso, Piatek (83' Cutrone), Borini.
A disp.: Donnarumma A., Plizzari, Abate, Caldara, Conti, Strinic, Bertolacci, Biglia, Castillejo.
All.: Gennaro Ivan Gattuso.
LAZIO (3-5-2): Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, Bastos (81' Parolo); Romulo, Milinkovic, Leiva, Luis Alberto, Lulic (74' Durmisi); Correa (47' Caicedo), Immobile.
A disp.: Proto, Guerrieri, Patric, Wallace, Silva, Cataldi, Jordao, Neto.
All.: Simone Inzaghi.
 
 
Arbitro: Gianluca Rocchi (sez. di Firenze)
Assistenti: Meli - Costanzo
IV uomo: Maresca
V.A.R.: Mazzoleni
A.V.A.R.: Paganessi
 
NOTE. Ammoniti: 9' Romulo (L), 85' Luis Alberto (L), 92' Zapata (M)
Recupero: 6' st.
 
 
Serie A TIM, 32ª giornata
Sabato 13 aprile 2019, ore 20:30
Stadio Giuseppe Meazza di Milano



Torna all'elenco
Titolo Lazio in Borsa
Almanacco Lazio Wiki
Cronache Tabellini Prossima Gara